fbpx

CORONAVIRUS E ANZIANI: La preoccupazione degli anziani per il ritardo nella consegna dei vaccini.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su email

“Siamo molto preoccupati per la battuta d’arresto nel piano di vaccinazione contro il Covid 19. In Piemonte, come nel resto dell’Italia, ogni giorno continuano a morire ancora tanti anziani, nonostante tutte le precauzioni prese”.

È questo il commento di Giuseppe Falcocchio Presidente ANAP Piemonte e Torino, sul ritardo della consegna dei vaccini da parte della Pfizer.

“Proprio in questi giorni sarebbe dovuta iniziare la somministrazione del vaccino agli ultraottantenni – continua Falcocchio – ma le dosi di cui dispone attualmente l’Italia saranno utilizzate, giustamente, per fare i richiami. Il tutto dunque slitta e così dovremo continuare a piangere i morti”.

“In questa situazione – prosegue Falcocchio – riteniamo necessario che si faccia anzitutto il possibile per reperire sul mercato altri vaccini validati, anche se ciò comporterà una spesa aggiuntiva rispetto a quella prevista e, in secondo luogo, che si riveda il piano vaccinale nel senso di accelerarlo, quando sarà possibile ripartire, incrementando i centri di somministrazione ed aumentando il personale dedicato, gli orari di somministrazione e quant’altro sia utile a tal fine”.

“Non possiamo permetterci che oltre 15.000 persone continuino a perdere la vita ogni mese – conclude Falcocchio – di fronte ad un’ecatombe di questa portata ogni sforzo va fatto, a qualsiasi costo”.

Iscriviti alla newsletter

Informazioni utili, aggiornamenti su scadenze e agevolazioni fiscali, eventi e molto altro.