fbpx

Voucher: Dino De Santis (Confartigianato Torino) “Se si escludono le piccole imprese si finirà per favorire il lavoro irregolare”.

“Auspichiamo che le nuove norme che il Governo sta per varare sui voucher non penalizzino le piccole imprese e l’esigenza di scongiurare il referendum non porti a sposare soluzioni che non tengono conto della realtà. Perché la realtà ci dice che in Piemonte l’incidenza delle ore lavorate con i voucher sul monte ore complessivo nell’anno 2015 è dello 0,33%, poco al di sopra del dato medio nazionale. Quindi nessun utilizzo selvaggio e indiscriminato di questo strumento. E se in alcune zone d’Italia ci sono abusi, forse il problema non è dei voucher ma delle condizioni del mercato del lavoro e del sistema dei controlli.

Bene una maggiore trasparenza, bene evitare che i voucher nascondano forme di lavoro che di occasionale non hanno nulla, ma limitarli solo alle famiglie escludendo le piccole e micro imprese sarebbe un grave errore. Non possiamo accettare che si sposi una visione ideologica secondo la quale riducendo drasticamente i voucher si favorisce l’occupazione stabile; al contrario, questi strumenti offrono agli imprenditori e ai lavoratori opportunità di lavoro regolamentato e tracciato, e l’alternativa non è la stabilizzazione ma il ritorno al nero. Ancora una volta riforme poco funzionali rischiano di danneggiare le imprese artigiane senza fare il bene dei lavoratori più deboli”.

Iscriviti alla newsletter

Informazioni utili, aggiornamenti su scadenze e agevolazioni fiscali, eventi e molto altro.