Rifiuti. Dino De Santis (Confartigianato Torino): “Il rigore sulle rate della Tari va bene, ma perché a spese di artigiani e piccole imprese?”

condividi su TwitterCondividi su FacebookCondividi su Google+

“Va bene rispettare le indicazioni della Corte dei Conti in materia di tempistiche di incasso della Tari ma non è accettabile che il rigore si debba fare cominciando dagli artigiani e dalle piccole imprese”: con queste parole Dino De Santis, presidente di Confartigianato Imprese Torino, commenta la decisione della Giunta Appendino di ridurre da sei a tre le rate dell’acconto Tari per le utenze non domestiche. “Gli artigiani e le microimprese hanno pagato un prezzo durissimo alla crisi, abbiamo bisogno di politiche che ci restituiscano ossigeno e aiutino la ripresa. Invece, a Torino si persegue l’austerità scaricandola proprio su di noi. Dalle istituzioni politiche e dalla magistratura contabile auspicheremmo maggiore lungimiranza e minore ottusità burocratica”.

Scarica QUI il comunicato stampa

Confartigianato Imprese Torino • CF 80085480012 • PI 06610390012 | Privacy & Cookies Policy

Attenzione, questo sito utilizza funzioni JavaScript.
Per una navigazione completa, attivalo dal pannello delle preferenze oppure utilizza un browser che lo supporti.